Ricordi

domenica, aprile 14th, 2013

Ripartiamo dalla Calabria, terra ospitale e dal buon profumo.

Calabria

Odore di erba, odore di mare, odore di terra.

Questa terra ti accoglie circondandoti di quegli antichi profumi di cui in città ci si dimentica.

Li ho lasciati a Roma i rumori degli autobus quando ripartendo alla fermata sotto casa ingranano una prima marcia che fa frastuono e sganciano fumo nero da una marmitta malandata. Ho lasciato a Roma quell’odore di fiume grosso, intasato di detriti e grigio di fango, quello più aspro di kebab ormai tipico di viale Marconi, quello di pioggia sull’asfalto che inizia a riscaldarsi lasciandosi alle spalle gli acquazzoni invernali.

Mi hanno traslata in un altro posto. Si, io infatti sono rimasta identica – niente pulsioni che mi hanno spinto a migrare, niente amori lontani o voglia di esplorare nuove terre – mi sono solo spostata, senza volermene accorgere.

Mi sono ritrovata qui, nella Calabria sconosciuta.

Mi sono alzata al mattino, mi sono vestita, sono uscita per andare in ufficio. Stesso capo, stessi colleghi. Di diverso c’è la terra che ho intorno.

La sto scoprendo ora e con gioia questa tanto immaginata Calabria.

Bella!

Diversa!

Senza calcare la mano sull’aspetto bucolico voglio scriverlo per ricordarmelo quanto questa sia una bella opportunità per ripartire, ancora una volta.

E allora mi godo la calma che c’è e i ritmi tutti nuovi di un posto piccolo, di una dimensione di paese.

Infilo la mano nella valigia, tiro fuori quel sacchetto di plastica in cui avevo infilato le poche Stoffe Allegre che ero riuscita ad agguantare con una sola mano da quel cartone durante il trasloco romano. Le guardo, le tocco una ad una rimetto a tutto.

Questo è un momento importante di ricordi e di riflessioni ma anche un nuovo inizio con tante idee e tanta voglia di creare nuove cose.

 


lunedì, marzo 5th, 2012

Note che toccano il cuore

Cosa ho davanti, non riesco più a parlare
dimmi cosa ti piace, non riesco a capire, dove vorresti andare
vuoi andare a dormire.
Quanti capelli che hai, non si riesce a contare
sposta la bottiglia e lasciami guardare
se di tanti capelli, ci si può fidare.

Conosco un posto nel mio cuore
dove tira sempre il vento
per i tuoi pochi anni e per i miei che sono cento
non c’è niente da capire, basta sedersi ed ascoltare.
Perché ho scritto una canzone per ogni pentimento
e debbo stare attento a non cadere nel vino
o finir dentro ai tuoi occhi, se mi vieni più vicino………

La notte ha il suo profumo e puoi cascarci dentro
che non ti vede nessuno
ma per uno come me, poveretto, che voleva prenderti per mano
e cascare dentro un letto…..
che pena…che nostalgia
non guardarti negli occhi e dirti un’altra bugia
A..Almeno non ti avessi incontrato
io che qui sto morendo e tu che mangi il gelato.

Tu corri dietro al vento e sembri una farfalla
e con quanto sentimento ti blocchi e guardi la mia spalla
se hai paura a andar lontano, puoi volarmi nella mano
ma so già cosa pensi, tu vorresti partire
come se andare lontano fosse uguale a morire
e non c’e’ niente di strano ma non posso venire

Così come una farfalla ti sei alzata per scappare
ma ricorda che a quel muro ti avrei potuta inchiodare
se non fossi uscito fuori per provare anch’io a volare
e la notte cominciava a gelare la mia pelle
una notte madre che cercava di contare le sue stelle
io li sotto ero uno sputo e ho detto “OLE'” sono perduto.

La notte sta morendo
ed e’ cretino cercare di fermare le lacrime ridendo
ma per uno come me l’ ho gia detto
che voleva prenderti per mano e volare sopra un tetto.

Lontano si ferma un treno
ma che bella mattina, il cielo e’ sereno
Buonanotte, anima mia
adesso spengo la luce e così sia…


lunedì, gennaio 23rd, 2012

Love story: racconto di una stella di mare azzurra

Stella marina fermaglio

“Posta in arrivo – 1”.

La notifica del nuovo messaggio di posta elettronica mi è arrivato in un anonimo pomeriggio.

Un ragazzo scriveva alle Stoffe Allegre per richiedere informazioni su un possibile ordine.
In questo post lo chiamerò Flavio.

“Buona sera, ho visto sul vostro sito questi fermagli e vorrei acquistarne uno…”. Mi scriveva un uomo, dandomi del “voi”. A freddo feci una riflessione: “Sembra così professionale il mio shop visto dalla rete? Forse fuori dalla mia stanza si ha la percezione di una piccola azienda? Invece sono io, sola tra le mie idee e le mie creazioni.”

Immediato ho sentito il bisogno di instaurare un contatto più familiare e confidenziale e ho chiesto a Flavio di darci del tu.

Ci siamo scritti qualche email di specifiche: era un ordine da fare “su misura” e volevo seguire con cura le richieste del mio cliente. Non volevo essere indiscreta, ma avrei voluto capire come mai un uomo volesse un fermaglio per capelli con una stella marina, ma soprattutto come mai la volesse proprio azzurra…

Non chiesi a  Flavio queste cose, finchè in una email lui mi scrisse:

Ciao Rachele, devi sapere che l’idea della stella marina mi è venuta vedendo il film “miracolo a les havres”, dove quel fermacapelli era il simbolo della femminilità e della purezza dell’amore semplice ma vero 🙂 Siccome nel film quella stella era azzurra, la vorrei proprio azzurra, per regalarla alla mia ragazza, che quel giorno era al cinema con me 😉 Vedi cosa possono rappresentare le tue stelle marine? E soprattutto da quali strade la gente può arrivare a farti un ordine… Ti sarei quindi grato se me la potessi fare proprio azzurra! Grazie mille.

“Che storia d’amore pazzesca è mai questa?” – mi sono chiesta!

Eh già, io me lo sono immaginato questo ragazzo che ripensando alla propria amata ha ricercato nei suoi ricordi un oggetto, un messaggio che fosse anche nella mente di lei…catturato insieme in un istante di vita condiviso.

Il Film! Avrà pensato a quel film, visto insieme in una sera qualunque o forse al primo appuntamento…e di lì lo vedo partire con la sua ricerca nel grande mare di informazioni che è internet. Cerca “Miracolo a les harves”, il titolo del film.

Qui mi sono soffermata un attimo. Ho sorriso immaginando quello che è davvero uno snodo di possibilità, un caso che mette in contatto i destini di due individui sconosciuti, lontani, diversi che a un certo punto della loro vita hanno incontrato una stella marina azzurra.

Mi si riavvolge il nastro della memoria e rivedo me stessa in una domenica mattina che, girando tra i banchetti di un mercatino, incontro un cestino di stelle marine colorate. Le acquisto e decido di crearne fermagli e spille realizzate a mano. Creazioni bellissime, originali. Le fotografo, le carico sul mio shop online, creo un post sul mio sito in cui racconto una storia immaginaria: stelle tra i capelli di donne straniere. “Miracolo nei mari del sud” è questo il titoo che mi piace per il mio post.

Qui la mia storia si incontra con quella di Flavio. Qui lui raggiunge le mie parole e le mie stelle marine mentre ricerca un regalo prezioso per la sua donna.

Quando capisco questo io mi emoziono molto, sono sincera.

Ripenso alla sera in cui ero triste ed è iniziato tutto, la mia avventura con Le Stoffe Allegre. Quello che ora permette a due ragazzi di raccontarsi il proprio amore. Wao!

La mia è diventata una missione. Ero a casa in malattia quel giorno, niente ufficio. Sono riuscita così in poche ore a finire l’opera. Il fermaglio per Flavio era pronto: bello e naturale come volevo io, semplice ma prezioso come voleva lui.

Risento Flavio per gli ultimi accordi: la spedizione, il packaging, la consegna del regalo. Gli accenno che avrei scritto questo post, ne era contento. Ma avrei aspettato l’esito della consegna del dono.

Poi qualche giorno di silenzio. “Chissà se la ragazza avrà già ricevuto la stella!” – mi chiedevo.

“Posta in arrivo – 1”. Qualche giorno dopo arriva i messaggio di Flavio.

Rachele, ne è valsa la pena di aspettare fino a oggi: giornata indimenticabile. Sapessi come le stava bene la tua stella! Non se l’è più voluta togliere. Di tanto in tanto arrivano quei giorni che non si possono dimenticare. Uno lega i suoi ricordi ad un’immagine, a una sensazione, ad un oggetto. Lei guarderà la stella e si ricorderà di me… Adesso però siamo in due ad aspettare il tuo post sul sito 😉

Io mi commuovo. Sono felice, felice di sentire un uomo parlare così, felice di immaginarmi la gioia di lei, felice di aver contribuito.

Riprendo fiato e scrivo questo post.

Grazie Flavio. 

Buona fortuna.

 


sabato, settembre 17th, 2011

Un sito nuovo: salutiamo il vecchio diario

1 anno di Stoffe Allegre e tante soddisfazioni.

Tutto cominciò con un blog: graficamente arrangiato, strutturalmente sperimentale, emotivamente molto importante.

Oggi siamo online con questo nuovo sito ma ho deciso di non “spegnere” il mio primo diario. Lo terrò in vita ancora raggiungibile dall’indiirizzo www.lestoffeallegre.it/vecchiodiario ma non lo aggiornerò più.

A volte è bene ricordare il passato ma guardarlo con distacco e poi voltare pagina.

Una categoria blog è presente anche in questo nuovo sito, raccoglierò appuntamenti, recensioni, impressioni. Tenetelo d’occhio.


lunedì, settembre 12th, 2011

190 fan ci amano su Facebook. Grazie!

Oggi Facebook ci ha regalato una soddisfazione: abbiamo raggiunto 190 like da amici a cui piacciono Le Stoffe Allegre.

Inevitabile un rewind di questo anno in cui tutto è nato e si è sviluppato timidamente.

Oggi ci sono 190 persone, di cui molti sconosciuti, che ci hanno conosciuto e ci ricordano quotidianamente il loro apprezzamento.

Questa cosa è la motivazione per cui si va avanti: viene prima delle vendite o di qualsiasi altro riconoscimento.

Happiness, happiness, happiness!

🙂



© Copyright 2019 by Le Stoffe Allegre.
Sottoscrivi i Feed RSS – Posts oppure Commenta