Recensioni

domenica, aprile 14th, 2013

Ripartiamo dalla Calabria, terra ospitale e dal buon profumo.

Calabria

Odore di erba, odore di mare, odore di terra.

Questa terra ti accoglie circondandoti di quegli antichi profumi di cui in città ci si dimentica.

Li ho lasciati a Roma i rumori degli autobus quando ripartendo alla fermata sotto casa ingranano una prima marcia che fa frastuono e sganciano fumo nero da una marmitta malandata. Ho lasciato a Roma quell’odore di fiume grosso, intasato di detriti e grigio di fango, quello più aspro di kebab ormai tipico di viale Marconi, quello di pioggia sull’asfalto che inizia a riscaldarsi lasciandosi alle spalle gli acquazzoni invernali.

Mi hanno traslata in un altro posto. Si, io infatti sono rimasta identica – niente pulsioni che mi hanno spinto a migrare, niente amori lontani o voglia di esplorare nuove terre – mi sono solo spostata, senza volermene accorgere.

Mi sono ritrovata qui, nella Calabria sconosciuta.

Mi sono alzata al mattino, mi sono vestita, sono uscita per andare in ufficio. Stesso capo, stessi colleghi. Di diverso c’è la terra che ho intorno.

La sto scoprendo ora e con gioia questa tanto immaginata Calabria.

Bella!

Diversa!

Senza calcare la mano sull’aspetto bucolico voglio scriverlo per ricordarmelo quanto questa sia una bella opportunità per ripartire, ancora una volta.

E allora mi godo la calma che c’è e i ritmi tutti nuovi di un posto piccolo, di una dimensione di paese.

Infilo la mano nella valigia, tiro fuori quel sacchetto di plastica in cui avevo infilato le poche Stoffe Allegre che ero riuscita ad agguantare con una sola mano da quel cartone durante il trasloco romano. Le guardo, le tocco una ad una rimetto a tutto.

Questo è un momento importante di ricordi e di riflessioni ma anche un nuovo inizio con tante idee e tanta voglia di creare nuove cose.

 


lunedì, novembre 12th, 2012

Coltiva il sogno. Grazie Chiara!

Chiara l’ho conosciuta lungo una strada tortuosa da cui passo ogni tanto.
Nel freddo di Milano, in uno di quei momenti in cui sei sola in una grande città e ti godi le espressioni del viso di tutti, io ho incontrato tanti volti bellissimi.
Tra questi c’è il suo sorriso che, caldo e accogliente, mi ha fatto sentire a casa. Eh già, come a casa mia!
Le regalai uno dei miei sacchettini bianchi su cui stampo il timbrino Le Stoffe Allegre. Era un mio omaggio per la sua gentilezza.
Oggi ci siamo risentite, a distanza: lei a Milano e io a Roma.
Vuole acquistare le mie creazioni e donare per il prossimo Natale oggetti unici e fatti a mano.
Nella sua email mi ordina tante cose, bello! ma ancor più bello è questo che mi scrive.
Leggo, sorrido e vado avanti felice.
Grazie Chiara!
Ciao Rachele cara.
mi sono divertita un mondo a guardare tutte le foto e i colori e già di questo ti ringrazio.
Le tue creazioni emanano calore: una virtù rara da trovare e da cogliere nella vita quotidiana.
Ho imparato a leggere molto presto e sono cresciuta in una casa colma di libri.
Uno dei miei ricordi più belli è quello di un pomeriggio in cui chiesi a mio padre quali libri potessi leggere e quali no: mi rispose che tutti, tutti, i libri potevano essere letti, ma che come unico consiglio mi dava quello di mantenere sempre viva la fantasia.
“Credi nelle favole, finchè puoi, anche quando sarai grande. Coltiva il sogno.”
I tuoi lavori e la loro storia mi ricordano tutto questo: sanno di magia, di fiaba, di un’altra realtà, non meno possibile e autentica di quella a cui apparteniamo.

venerdì, settembre 28th, 2012

Siamo in vendita a Milano

Eccoci qui.

Una buona notizia per gli amici di Milano e dintorni: finalmente potete acquistare Le Stoffe Allegre in un negozietto di Milano.

Si chiama Panpepato e voglio raccontarvelo brevemente.

Si tratta di un piccolo negozio che si nasconde dietro ad una porta a vetri in un bel quartiere di Milano.

Entrando si respira aria buona. Le luci sono chiare e sembra sempre primavera, i colori ti avvolgono appena metti piede nel locale: la creatività lì è veramente in ogni angolo.

Il posto non è grandissimo, ma è bello anche per questo: è accogliente, familiare ma soprattutto pieno zeppo di creazioni artigianali.

Viene voglia di aggirarsi in punta di piedi e di toccare tutto! E poi viene voglia di comprarsi tante cose.

Dentro trovate due splendide ragazze, dal sorriso grande e accogliente: Giulia e Martina. Sono molto disponibili e sapranno consigliarvi se vorrete acquistare o fare un regalo.

Credo che sia davvero un posto eccezionale in cui si trova ancora tanto autentico e buon artigianato made in Italy: dai vestiti agli accessori, c’è una linea baby, si trovano cose preziose e cose deliziose che costano poco.

Ora, con molto orgoglio, trovate anche le mie creazioni. Eccole qui.

Se potete fateci un salto, non ve ne pentirete.

—————–

Le Stoffe Allegre sono in vendita a Milano presso:

PANPEPATO

Via Solari, 2/a 20144 Milano
tel.02-43910243 

lun. 15.00-19.30
mar./sab. 10.00-14.00 15.00-19.30


lunedì, settembre 3rd, 2012

Etsy SI o NO? La mia esperienza.

Aprire uno shop su EtsyStamane mi ha contattata una ragazza per chiedermi aiuto: voleva un parere sul mondo Etsy o sugli shop online in generale.

Da poco produce creazioni handmade e vorrebbe lanciarsi nell’impresa del commercio.

Tanti i dubbi da affrontare: costi, costi di spedizione, semplicità di utilizzo, tempo da dedicare, convenienza o no…

Io ho scritto di getto una risposta sintetica che voglio condividere con tuuti voi, sperando sia utile a molti.

In calce nello spazio commenti sono benvenuti i consigli di tutti: aggiungete pure, postate link o approfondimenti.

 

Cara amica sono felice di aiutarti.
Etsy è un mondo! Direi anche un’esperienza da provare per tanti motivi:

è mondiale! Vendi davvero in tutto il mondo.
– è un posto vivo! Non solo per vendere ma per imparare, dialogare, chiedere consigli su tutto il mondo handmade (se ti lanci iscriviti subito ai gruppi EtsyItaliaTeam o Madein ItalyTeam o altri a tua scelta)
– è semplice! Postare un item sul tuo shop è veramente semplice e piacevole (io ho usato anche altre piattaforme e ti assicuro che non è sempre così)
– è una community che vive anche di eventi offline (con le ragazze del team si organizzano spesso craft party, eventi, fiere e mercatini).

Tutto questo ha un costo. Ma non è elevato (credo 0,20 cent per caricare un prodotto e una minima percentuale se lo vendi). Poi considera che anche Paypal si trattiene un piccola fee in caso si utilizzi come sistema di pagamento.

Io però il mio shop Etsy lo tengo vivo comunque, ne vale la pena.
Considera che ci sono anche altre piattaforme magari italiane e completamente gratuite, io ad es. ho altri due shop online, uno su MissHobby e uno su Blomming (quest’ultimo sta prendendo piede e non è male). Però Etsy non lo mollo.
A questo punto per far fronte alle spese ti conviene valutare bene il prezzo che assegni ad un tuo prodotto, devi tenere conto delle spese per determinare un minimo guadagno.

Altra cosa: mantenere un negozio su Etsy (ma su qualsiasi piattaforma) ha un costo anche in termini di impegno. Devi starci dietro, fare belle foto, dedicarci tempo.
Io ad es. è un po’ che lo trascuro 😐 Ma sono pronta per rimettermi sotto!

Per la spedizione io userei la raccomandata, per il prezzo tarati sui costi delle tabelle sul sito Poste.it e se puoi evita la posta prioritaria almeno in Italia  (mi sono spariti molti pacchetti! Maledetti postini ladri!).

Comunque se decidi di iscriverti troverai consigli come questi e molto altro sui forum dei vary Etsy Team.

Per il resto che dire: IN BOCCA AL LUPO!


venerdì, ottobre 7th, 2011

10 regole per essere un venditore DOC

Le regole che fanno di un venditore, un venditore doc.

1. Sorridete, siate sempre di buon umore e pazienti. Non è importante solo la merce che si propone, ma anche e soprattutto a volte, il modo come lo si fa

2. Salutate sempre chi entra in negozio o si avvicina al vostro banco al mercato, anche se siete impegnati con altri clienti

3. Il bancone è una barriera alla comunicazione. Se potete inseritelo nell’arredamento come piano di lavoto o appoggio

4. Nessun cliente è mai una perdita di tempo. Chi non compra oggi potrà comprare domani o comunque consigliare il vostro lavoro ad altre persone

6. Siate preparatissimi su tutti i prodotti che vendete. La più grande differenza questo tipo di shopping e quello ad esempio in un centro commerciale, è che l’acquirente può vedere in faccia chi produce la merce o perlomeno avere dal venditore delle informazioni abbastanza certe sulle origini del prodotto, su chi e come l’ha creato

7. Cercate di dare buoni (e obbiettivi) consigli a chi vi chiederà una opinione sull’acquistare un oggettopiuttosto che un altro

8. Ai clienti più interessati potete chiedere i dati, magari la mail, così da informarli su promozioni, novità e quant’altro legate alla vostra attività

9. Salutate sempre con cortesia: il saluto finale influenza la propensione del cliente a prendervi in considerazione per acquisti futuri. Lo stesso dicasi anche per chi non ha comprato nulla: ditegli che vi dispiace di non averlo potuto accontentare

10. Almeno all’inizio non alzate eccessivamente i prezzi! D’accordo far entrare nella cifra la manodopera, il costo dei materiali e di eventuali macchinari e il valore aggiunto del “pezzo unico” ma se i costi sono troppo alti riceverete sì tanti complimenti, ma ben poche entrate!

[Questi buoni consigli vengono da qui]


lunedì, settembre 19th, 2011

Etichette personalizzate in arrivo.

etichette Le Stoffe Allegre

Ho deciso di diventare professional e applicare a tutte le mie creazioni il segno di riconoscimento a garanzia di originalità: le etichette personalizzate.

Le ho ordinate online in uno shop carino dove la sartoria regna sovrana: Orlo Subito. Le aspetto con ansia.

Consiglio questo shop a tutte coloro che sono alla ricerca di tag personalizzate e hanno bisogno di essere seguite per creare a meglio il prodotto desiderato.

Sandra (la proprietaria dello shop) è molto carina, disponibile e veloce.

Non vedo l’ora che mi arrivi il pacco per taggare tutte le mie creazioni!



© Copyright 2017 by Le Stoffe Allegre.
Sottoscrivi i Feed RSS – Posts oppure Commenta